Insurgent- Veronica Roth

«Come stai, Beatrice?»

«Mi hai chiamato Beatrice?»

«Volevo sentire che effetto fa.» Sorride. «Non ti piace?»

“Non aver avuto abbastanza fiducia in lui da dirglielo è stato un errore che non voglio ripetere”
“Io penso che piangiamo per liberare la nostra parte animale senza perdere la nostra umanità”
Mi sento nuda. Non mi ero accorta di aver indossato i miei se-greti come un’armatura finché non se ne sono andati
Io mi fido di te. È questo che vorrei dirgli… ma non è vero: non ho creduto che avrebbe potuto continuare ad amarmi nonostante le cose terribili che ho fatto. Non lo credo di nessuno, ma questo non è un problema suo… è un problema mio”
«Credo che tu ci sia ancora, là dentro» mi sussurra contro la bocca. «Torna da me.»

La verità ha il potere di stravolgere i progetti delle persone. Ma è difficile convincere Tobias a fare qualcosa che non vuole… e ancora più difficile è giustificare le mie sensazioni senza il sostegno di una prova, solo sulla base del mio istinto.
Per cui accetto. Ma non cambio idea.

Come un animale selvatico,
la verità è troppo potente
per poterla ingabbiare.
Qualunque sia la verità, dovrò escogitare un altro modo per scoprirla, perché non intendo chiederla di nuovo a lui.
“Non so perché non gliel’ho detto quando poteva sentirmi: forse avevo paura di affidargli un sentimento così intimo, o di non sapere che cosa significhi amare qualcuno. Ma ora la cosa che più mi spaventa è il non averlo detto prima che fosse troppo tardi… non averlo detto prima che fosse troppo tardi per me.
Io gli appartengo e lui mi appartiene, ed è sempre stato così “
Citazioni di Insurgent (Veronica Roth), secondo romanzo della trilogia Divergent.
Annunci

One Reply to “Insurgent- Veronica Roth”

I commenti sono chiusi.